.
Annunci online

ilmalfattore

Manifestazione del 26 Settembre

diario 22/9/2009


26 Settembre – Marcia delle Agende Rosse – Roma


Questo blog sostiene la manifestazione del 26 Settembre indetta da Paolo Borsellino per chiedere la verità sulla stagione stragista del '92-'93. Per collaborare nella promozione di questa manifestazione seguite il link sotto.

http://agenderosse.wordpress.com/banner/



permalink | inviato da Fab1979 il 22/9/2009 alle 22:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

I crimini del Berlusconismo

diario 27/8/2009

Negli ultimi giorni l'attesa del nuovo giornale di Marco Travaglio e Antonio Padellaro, il Fatto Quotidiano , è stata "ravvivata" dall'annuncio che anche Luca Telese collaborerà alla nuova testata, smettendo così di scrivere su "Il Giornale".Apriti cielo. Invettive, proteste, cori unanimi di sdegno contro il servo, il traditore, il fascista e epiteti peggiori che trovate sui commenti al post linkato sopra (e nei successivi).
Un commento mi ha particolarmente colpito: un lettore ha scritto una cosa tipo: "Io mi aspetto che il Fatto Quotidiano sia un giornale che fa dell'antiberlusconismo duro e senza compromessi la propria bandiera".

Già certo, proprio quello che serve.

Nel 1974 Indro Montanelli fondò "Il Giornale", testata che per molti anni, come sappiamo, fu ben diversa da quella che è oggi. Lasciava la sua posizione di storico collaboratore del Corsera per ... già perchè? Per fondare un giornale che faceva dell'anticomunismo duro e senza compromessi la bandiera? Non credo proprio. In nuce io credo che allora si presentò una situazione del tutto analoga a quella moderna. Con la sostanziale differenza che ad appestare il viver civile allora era la situazione internazionale, con la rivoluzione culturale cinese che dilagava tra di noi producendo i suoi ottimi figli come Lotta Continua e derivati. Creando poi dissaffezione delle istituzioni, al viver civile, disordini, da ultimo il terrorismo. Ma Montanelli diceva cose molto chiare nella sua dichiarazione d'intenti, nel primo editoriale de "Il Giornale Nuovo": che ce l'aveva con il "tradimento della borghesia", con la società civile che non sapeva resistere ai disordinati stimoli del "nuovo". Considerava la colpa di molti guai italici di allora nell'inadeguatezza della sua classe dirigente, non negli influssi nefasti del'est.
Tali difetti rimasero oltre il comunismo, altrimenti "Il giornale" avrebbe chiuso nell''89 (al contrario di qualcuno che con l'anticomunismo iniziò lì ...). Per meglio dire: correttamente la voce che il giornale voleva rappresentare aveva senso di essere ancora, naturalmente... come del resto lo avrebbe oggi. Lo avrebbe ...

Ma cosa succede oggi in Italia? Succede che un progressivo fenomeno di disgregazione della società civile ha trovato in Silvio Berlusconi il suo massimo campione, il quale ha convinto gli italiani che farsi i c***i propri è possibile e anche giusto come stile di governo. Ma il problema non è solo Berlusconi. E' proprio la società che manca. Berlusconi avrebbe avuto la vita molto molto più difficile se non impossibile in un paese più maturo civilmente e con un senso dello Stato più profondo. Banalmente, il giorno della sua candidatura, qualcuno gli avrebbe ricordato che come concessionario di licenze pubbliche non era eleggibile. Fine della storia. Andatelo a dire ai vari Occhetto, Violante, D'alema e Bertinotti, i veri campioni dell'"Antiberlusconismo senza compromessi".

Come ho detto più volte, questo paese non ha bisogno solo di una rinascita della sinistra per superare il Berlusconismo. Servirebbe una rinascita del centro e della destra, uno scatto di orgoglio di tutti i partiti che non possono svendere TUTTA la loro dignità agli interessi dei soliti capibastone (e qui la domanda... l'Italia dei Valori può salvarsi nel lungo da questa trista sorte che ha coinvolto tutti gli altri? ... ). Una rinascita della società civile, dell'opinione pubblica come spesso invocato da Oliviero Beha.

Ecco cosa servirebbe. E soprattutto, cosa può fare per l'Italia "Il Fatto quotidiano". Diffondere notizie e voci altrimenti soffocate. Il contributo di Telese è perciò valido come quello di chiunque abbia buoni articoli da scrivere, notizie da rivelare, opinioni da diffondere. Si è detto che c'è il rischio di un giornale "privatizzato" da IdV e dalla magistratura. Ho fiducia tuttavia nel team della redazione perchè questo rimanga una pia illusione dei suoi detrattori. Il "non faremo sconti a nessuno" di Padellaro a Di pietro alla notte bianca anti-bavaglio dl 9 luglio ne è un buon indice. In merito alle critiche alla magistratura, evito anche di commentare va. Ma solo i fatti confermerenno o meno in toto questa mia opinione definitivamente. Io sono ottimista.

PS: nel blog di Padellaro la recensione del suo libro "Io gioco pulito",  davvero illuminante di come sia crollata la considerazione della libera stampa in via Solferino ...



permalink | inviato da Fab1979 il 27/8/2009 alle 11:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

Finchè c'è lotta c'è speranza

diario 15/7/2009

Questa la frase con cui Paolo Flores d'Arcais ha chiuso il suo intervento al circolo Alpheus di Roma durante la notte "No-Bavaglio" dell'8 luglio.

Ieri ho aderito al sacrosanto sciopero dei bloggers contro il farsesco "diritto di rettifica". Oggi mi pare il caso di ricominciare a scrivere. Anche solo poche righe: ora che è passato il G8, ora che la fase davvero calda dello scandalo "Puttanopoli" sta scemando, a che punto siamo? La risposta è che siamo sempre nella stessa Italietta chiaccherona a opportunista di prima. Dove il padrone ne ha passate tante ma, suvvia, è sempre in sella.  E te credo: fino a che non lo schiodano a forza sappiamo bene che non se ne andrà.

Abbiamo visto le menzogne sul terremoto, la farsa dei "grandi" (in che senso?) in Abruzzo, il ritorno al nucleare, il ddl (anti) intercettazioni passato con 20 voti dell'opposizione (sul voto di fiducia...).

In realtà nonostante tutti i piagnistei mr.B, al secolo il cavalier Silvio Berlusconi, come ho appena detto è più in sella che mai. Ma per un motivo ben preciso: che non c'è nessun contropotere che VOGLIA fermarlo. Napolitano, lo sappiamo che ha un lavoro difficile difficile, rilancia i proclami al "clima più civile". Ho letto poco fa su Micromega che anche Debora Serracchiani dice che ce n'è bisogno, anche in trasmissioni come Annozero dove "si fa a gara a urlarsi sopra". Mi dispiace. Ma queste sono fregnacce di prima qualità: ad Annozero gli unici che urlano sono Ghedini, Castelli e amici, non certo i vari Stille, Innocenzi, ma neppure Bersani o Franceschini per esser chiari, e neanche (e diciamolo) Travaglio o Santoro, se non sporadicamente e quando anche San francesco non ce la farebbe più (mettetevi nei loro panni e domandatevi cosa fareste voi). Ma qualcuno le guarda le puntate di questo programma prima di criticarlo? E lo stesso vale per tutto il "panorama politico" (notiziari, stampa, altri talk show, incontri vari). E' solo una parte che avrebbe bisogno di decenza. Non prendiamoci in giro.

I contropoteri sono quindi storpi o svogliati, nonostante tutto. Repubblica ha fatto un lodevole servizio picchiando sugli scandali porno del presidente, ma SOLO quello. Per ciò che succede in Italia ci vorrebbe molto di più. Regaliamo a Mauro le annate complete 2006 e 2007 de "Il Giornale", anche se erano piene di balle, o almeno di Panorama?

Dal PD, buio totale, come e peggio che con Veltroni. Grillo è stato cannoneggiato neanche fosse l'Anticristo ( e si sapeva) ma anche Marino, per solo aver commentato decentemente la vicenda Bianchini, è attaccato come un eretico ( vedi qui ) . L'effetto campagna elettorale per le Europee è finito.

Ma sapete perchè faccio questo lungo discoros? Molto semplice. Perchè con dei contropoteri normali e una tv appena appena, neanche tanto, più decente, Berlusconi crollerebbe di schianto. Ci ricordiamo il clima che c'è stato in Italia tra le elezioni 2008 e un paio di mesi prima delle elezioni europee 2009: battaglia politica ZERO, le uniche polemiche erano legate alle uscite di Di Pietro. 2 mesi di Puttanopoli, tacendo le cose più imbarazzanti, hanno ricacciato indietro il PDL di 3 punti.

E allora stiamo ancora a chiederci se valga o no la pena di crederci?

Perchè c'è anche altro. Io non sogno un mondo fantastico, basterebbe l'Italia di pochi anni fa per ritrovare un minimo di decenza. I socialisti Craxiani urlavano al complotto contro Mani Pulite ma sapevano che dovevano dimettersi, come fece ad esempio Martelli, per non essere linciati. Dopo Martelli, un altro ministro della Giustizia è stato indagato. Clemente Mastella. Sembra aver vinto, perchè ora ha il suo comodo scranno a Strasburgo. Eppure il suo "avversario" (ma solo per i giornali) De Magistris, lo ha bruciato alla grande nelle preferenze e ora è anche lui a Strasburgo. E vedremo come andrà.
Pochi anni fa lo stesso Mr.B., a seguito di questo articolo sarebbe stato costretto a ritirarsi. Oggi no, anzi la vicenda Ciancimino gode di molto poco spazio rispetto a quanto merita. Possibile? In Italia, quando c'è di mezzo la mafia, tutto è possibile. Ma non disperiamo: bisogna crederci, ce n'è sempre più bisogno. La lotta non è finita.

E finchè c'è lotta c'è speranza.

Sciopero

diario 14/7/2009

In Italia, una politica "vecchia" vuole impedire la libertà d'informazione attraverso giornali, siti internet e blog. Con leggi ad personam come il DDL Alfano che sono un attacco alla democrazia.
Il blog "Il Malfattore" aderisce alla giornata di silenzio per la libertà d'informazione on line.




permalink | inviato da Fab1979 il 14/7/2009 alle 9:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

Appello per chiedere le dimissioni del premier Silvio Berlusconi

diario 27/5/2009

Condivido dal sito del "Circolo politico verità e democrazia". La mobilitazione nasce da Facebook ma sperabilmente si estenderà oltre.

http://veritaedemocrazia.blogspot.com/2009/05/appello-dei-gruppi-riuniti-di-facebook.html


In Nome del Popolo Italiano,
il Tribunale di Milano, ha condannato l'avv. Mills
a 4 anni e 6 mesi di reclusione per corruzione in atti giudiziari!

Dal testo della sentenza si evince che David Mills:
"... ha certamente agito da falso
testimone, da un lato, per consentire a Silvio Berlusconi ed al Gruppo
Fininvest l’impunità dalle accuse o, almeno, il mantenimento degli ingenti
profitti realizzati attraverso il compimento delle operazioni societarie e
finanziarie illecite compiute sino a quella data..."

Da questo processo e dalle conseguenti responsabilità, Silvio Berlusconi ha ottenuto l'impunità attraverso il Lodo Alfano (L. 124/08), che consente alle quattro più alte cariche dello Stato di ottenere la sospensione dai processi penali pendenti e futuri, nonostante il dettame inderogabile contenuto nell'art. 3 della Costituzione Italiana:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono
eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di
religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

In attesa che la Corte Costituzionale si pronunci sulla costituzionalità della L. 124/08, il colpevole coinvolgimento del Presidente Silvio Berlusconi in questa vicenda, così come palesato dagli atti processuali e dalla sentenza, unito alle violente invettive contro la Magistratura, potere fondamentale ed autonomo della nostra Repubblica, rende la prosecuzione del mandato istituzionale di questi, in forte contrasto con ogni regola etica e morale di uno Stato di Diritto, costringendo l'Italia ad un corto circuito politico-giudiziario che nega in radice la natura democratica del Governo e la stessa forma Repubblicana dello Stato, stante l'uso privato che l'attuale Presidente del Consiglio, con inaccettabile arroganza, si ostina a fare dei suoi poteri di Capo del Governo e dello stesso Parlamento volgarmente asservito alla sua pretesa personale impunità.

Riteniamo importante ricordare che questa sentenza ne segue altre (queste definitive e non più appellabili) che hanno visto persone alle dipendenze di Silvio Berlusconi condannate per reati vari, prevalentemente a beneficio dello stesso o delle sue aziende (oltre a Mills, Cesare Previti, Salvatore Sciascia, Massimo Maria Berruti, Vittorio Mangano, Marcello Dell'Utri) e che a dimostrazione della contiguità del Presidente Berlusconi o siedono tra le sue fila parlamentari o sono state da egli elevate all'altare degli eroi.
Sia l'uno che l'altro caso sono indegni di un Presidente del Consiglio.

Con questo appello,
noi cittadini italiani onesti, rispettosi della Costituzione e delle leggi della Repubblica Italiana, fermamente convinti che
la politica debba essere fatta con le mani pulite,

chiediamo

l'aiuto di tutta la società civile, di tutta la stampa e di tutte le forze politiche che non vogliano considerarsi complici, affinché aderiscano, in superamento di ogni divisione, al nostro appello e diano vita ad una grande manifestazione nazionale per chiedere le

DIMISSIONI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI

art. 54 della Costituzione Italiana:
Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di
osservare la Costituzione e le leggi.
I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.


Simonetta Colucci, Kristel Kaaber, Barbara Gasbarrini, Maurizio Zaffarano, Giovanni Di Blasi (per Mobilitazione Nazionale per chiedere le dimissioni di
Berlusconi, 105.084 membri)

Alessandro Lombradi (per MILLS CORROTTO,DIMISSIONI ORA! SIT-IN PROMOSSO DAI GIOVANI IDV, 654 membri)

Francesco Colli e Francesco Vescovi (per Condanna Mills: chiediamo le dimissioni di Berlusconi!', 5.234 aderenti)

Susanna Ambivero (per "Berlusconi non è il mio presidente", 47.300 iscritti)

Antonio Gambino e Falena Lella (per "Riprendiamoci l'Italia, l'Italia ai cittadini italiani!!!", 166 membri)

Ruggiero Lauria (per "Lui ha le televisioni, noi abbiamo Internet" ,705 iscritti)

Michele Molisso (per "Sorry Barack for our prime minister.. Obama scusa, Berlusconi è un coglione", 147.388 membri)

Tay Perassolo e Fabrizio Pizzolato (per "Lettori di Voglioscendere.it su FB", 388 iscritti)

Francis Maya (per "Troviamo 100.000 persone che pensano : Il "Nano" non è il mio Presidente!", 15.448 membri)

Deborah Carta (per "Manifestazione nazionale: Berlusconi si dimetta!", 3.375 membri)

Antonio Barbagallo (per "NO, WE CAN'T", 1.093 membri)

Emilio Alessio Loiacono (per "Berlusconi ha le tv ma noi abbiamo la rete" 9.400 membri, "Mills condannato e Berlusconi?? fatti condannare buffone" 1.500 membri, "Io non voterò MAI per Berlusconi" 650 membri, "BERLUSCONI MI FAI SCHIFO" 220 membri )

Giuseppina Giacco (per "La Sinistra di Facebook", 1.588 membri)

Nicola Massimo Tedeschi (per "Denunciamo Borghezio al Tribunale Europeo dei Diritti dell'Uomo", 2542 membri)

Sergio Sperotto (per "DRIIIIN E' suonata!. Per i politici è finito l'intervallo", 271 membri)

Emanuela Bonaga
(per "NESSUNO tocchi Saviano", 110.358 membri)

Claudio Ieva
(per MILLS - BERLUSCONI 2.000.000 DI UTENTI: 1° MINISTRO, SI FACCIA PROCESSARE!, 1294 membri)

Giuseppe Cuoco
(per, DI PIETRO HA RAGIONE!!!BERLUSCONI...HAI ROTTO IL CAZZO!!!, 857 membri)


nota bene:
Alcuni membri possono essere presenti in più gruppi contemporaneamente
Potete firmare al seguente link. Invito a diffondere l'iniziativa.

http://www.firmiamo.it/berlusconisidimetta

Restiamo Umani

diario 12/5/2009

Ricevo e pubblico

Dal blog Verità e democrazia, messaggio originale da A sinistra.

A tutti i dirigenti della Sinistra Italiana

Un secondo barcone di sventurati è stato respinto e ricondotto in Libia. Quanti erano? Non è importante. 100,… 20…,…1, non ha importanza. sono stati violati dei diritti e a violarli è stato il governo del nostro paese. Questi diritti violati costeranno a povera gente che sfuggiva a guerre massacri e fame in alcuni casi tortura e morte. Ho fatto una carellata veloce e più o meno tutti i dirigenti della sinistra , con toni più o meno diversi, hanno parlato, scritto, condannato.Non Basta!!! A fronte di questa infamia c’è un’esigenza precisa, ineludibile, che la sinistra dia una risposta unica e compatta antirazzista . Non possono esserci distinguo e non può essere una campagna elettorale che spegne il nostro sdegno.Chiedo che questo appello venga raccolto e si concretizzi nel giro di poco tempo nella risposta della Sinistra italiana contro al razzismo, contro l’intolleranza e per ristabilire i diritti di asilo e di accoglienza

PS. Chi condivide questa richiesta copi e incolli sul proprio blog il post senza aggiungere o togliere nulla. E’una richiesta minima ma di enorme significato. Facciamoci sentire tutti insieme in un’unica manifestazione o in cento città contemporaneamente.
Loris

Da Repubblica - (Audio) il dramma dalle carceri libiche
Da Repubblica - testimone nigeriano
Dall'Unità - Le leggi razziali ci sono gia
Dall'Unità - Berlusconi : no all'italia multietnica
Da La Stampa - La Cei: l'Italia è già multietnica






permalink | inviato da Fab1979 il 12/5/2009 alle 10:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

Un'altra mail affettuosa ...

diario 17/4/2009

Successivamente alle mail pubblicate nel post ""Un affettuoso scambio di mail" ho nuovamente scritto all'avvocato Ansalone, ovviamente mediante la mail pubblica del Senato dell'on. Rutelli.
A oggi non ho avuto risposta. Centra forse il fatto che nel frattempo Genchi è stato scagionato? Non si sa. Per chi ha un pò di pazienza, ecco la nuova lettera.



From: fabrizio pizzolato
To: rutelli_f@posta.senato.it
Subject: RE: Rif: Un commento alla sospensione di Genchi
Date: Mon, 30 Mar 2009 09:18:30 +0200

Caro Ansalone, vediamo di chiarire qualche concetto.

Ho usato il termine "delinquente". Delinquente è colui che commette "delitti". Cosa sono i delitti? Atti che infrangono le leggi? Sicuramente. Ma nell'accezione comune, delittuoso è anche il comportamente di chi si rende responsabile di un atto odioso. Se in un incidente stradale muoiono delle persone, i parenti delle vittime riterranno un delinquente il conducente dell'altra auto, sia che questi fosse in evidente colpa (avesse bevuto o guidasse in modo irresponsabile) sia che così non sia, ma sia vittima di una distrazione, un disguido tecnico eccettera. Per questo potrebbe venire processato e magari assolto, o condannato a una lieve sanzione, per delle valide ragioni. Ma nessuno si sognerà mai di negare il diritto ai parenti delle vittime il diritto di rivolgerglisi contro a male parole. Anche se magari al posto della parola "delinquente" sarebbe più corretto usare termini come "distratto" o "avventato".

Forse da un esempio che nulla centra col caso in esame ci avviamo verso una spiegazione. Va da se che il termine che ho usato non sottointende che il suo cliente abbia rapinato banche o si sia messo a sparare all'impazzata in mezzo a una strada. Anzi. Anzi, magari avrei potuto usare il termine "distratto" o "avventato" per definire il suo comportamento. Come mai non li uso? Forse perchè mi sembra che su Genchi le notizie si sprechino, e avolte pare proprio che si stia cercando di "ucciderlo" mediaticamente. Tant'è che nelle ultime settimane svariate volte lo stesso Genchi ha pubbblicato interventi sul suo blog, volti a chiarire accuse che gli venivano mosse. Sulle quali accuse a lungo si potrebbe discutere. E a lungo si discuterà. Se mi si permette una personale osservazione "tecnica", perlopiù ignorata nei quotidiani dibattiti, posso ricordare che tutte le grandi società di telecomunicazioni, telefoniche e non, italiane e estere, hanno svariate centinaia di tecnici infomatici e delle telecomunicazioni che si occupano di gestire quantità enormi di dati ogni giorno. Quanto siano enormi queste quantità di dati, in un paese come il nostro con un'altissima concentrazione di telefoni cellulari, per non parlare del resto, basterebbe abbondantemente a giustificare certe cifre iperboliche spacciate per "enormità" (in tutti i sensi) dai giornali.  A valle di queste andrebbero poste le osservazioni su di cosa si occupasse nello specifico Genchi (incrocio di tabulati telefonici) e tutto il resto, che non è poco. Ma, mi permetta, tralasciamo e veniamo al punto.

Parlo di "suoi amici" (del suo cliente) nella mia prima missiva. Nella risposta lei tira in ballo Saladino, dicendo che "non è amico di Rutelli" (e lo posso credere) mentre con lui "sono stati in contatto ripetuto esponenti politici come Di Pietro" (e lo credo).
Tuttavia: contatti tra il suo cliente e Saladino sono stati a più riprese citati dalla stampa, ad esempio il Corriere della Sera del 5/12/2008
("Saladino, spunta l'agenda con i nomi dei politici"). Mi risulta che il suo cliente abbia smentito (anche nella sua lettera lei lo ribadisce, anche se aggiunge "non è amico di", che non è proprio lo stesso ...). Mi sta bene, ma allora perchè Di Pietro, anche lui (lo scrive lei) in contatto con Saladino, candida De Magistris autore delle inchieste, che ha sempre difeso l'integrità delle inchieste medesime? Vuole sottointendere che ha la coscienza sporca e vuole "ripulirsi"? Mah. Sarebbe il caso di riprendere quelle carte frettolosamente archiviate (l'inchiesta Why Not) e passarle al setaccio. Si sta già facendo, speriamo di avere piena e completa chiarezza su tutto. E anche presto.

Ma anche supponendo che Saladino (che ha citato lei) non abbia mai sentito il suo cliente, (potrebbe essere, per un errore negli accertamenti ad esempio), i conti ancora non tornano. Quando l'inchiesta entrò nel vivo (tra metà e fine 2007), numerosi furono i politici coinvolti. Di centro sinistra e non solo. Torni all'articolo precedente per esempio, oppure consulti il libro "Il caso De Magistris" di Massari e conti nelle note quante volte è ripetuta la frase "per il soggetto in esame vale la presunzione di innocenza" (saranno almeno un centinaio; curioso vero?). Il suo assistito era vice premier allora. Non ne sapeva nulla? Non ne conosceva nessuno? Mi pare strano. Può essere, ma il dubbio è legittimo.

Ancora, dalla sua lettera: Rutelli "è parte offesa e dunque ha già intrapreso azioni giudiziarie a tutela della sua onorabilità". Questo, mi scusi, ma esclude totalmente che sia davvero "parte terza" nelle vicende; per quanto le sue ragioni possano essere ottime, è lei stesso a riferirmi che ha un interesse in ballo.

Un'ulteriore osservazione: scrissi che il suo cliente da l'impressione di "fregarsi lo stipendio" eccettera eccettera. Tale livorosa espressione discende direttamente dall'impressione che la sua attività al Copasir non sia veramente "terza", e posso anche ritirarla. Va da se che un'impressione, in quanto tale, possa essere sbagliata. Ma mi permetta qualche domanda: perchè quando si parla di Copasir vengono subito in mente i titoli dei giornali in merito al caso Genchi? Perchè solo questa parte della sua attività è nota? Se davvero l'attività di Genchi (e De Magistris?) era destabilizzante per l'ordinamento democratico, da chi erano sostenuti? Per quali fini? Possibile che in tal senso non ci sia uno straccio di idea, ma si continui a rimestare le questioni (importantissime per carità) delle irregolarità nella loro attività, che tuttavia da sole non sono assolutamente destabilizzanti di nulla? Mi chiarisca le idee se possibile.

Infine, caro Ansalone, al contrario di quanto lei scrive non me ne frega nulla del fatto che De Magistris e Genchi siano prosciolti. Per quanto io possa parteggiare per loro, come in qualunque inchiesta l'unica cosa che mi auguro è che siano accertati i fatti e i giudici possano, nelle motivazioni delle loro sentenze, essere quanto più chiari e documentati possibile.

Mi faccia cortesemente sapere cosa ne pensa di questa risposta dal punto di vista del suo simpatico "ne risponderà nelle sedi opportune". Passare il sabato a preparare la mia difesa mi fa un pò sorridere, visto che è la stessa cosa che il nostro povero premier (povero metaforicamente, preciso) ha dovuto fare (parole sue) per tanti anni, per difendersi dalle famigerate "toghe rosse".

cordiali saluti
Fabrizio Pizzolato

PS: le segnalo una svista del suo assistito; nel suo blog
http://www.francescorutelli.it/, pubblica una lettera inviata a "L'unità" il 4/2/2009. Si è dimenticato di aggiungere la risposta. Eccola: http://archivio.unita.it/v2/gol/viewer.asp?pag=37&G=04&M=02&A=2009&foliazione=47&startpag=0&sezione=naz
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rutelli genchi

permalink | inviato da Fab1979 il 17/4/2009 alle 9:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

Ieri, oggi e ancora ieri

diario 30/3/2009

Nulla di nuovo in questo post, assolutamente NULLA. Se non la riproposizione ravvicinata dell'intervento di Marco Travaglio a Satyricon, ospite di Daniele Luttazzi, nel febbraio 2001.
E il Passaparola di oggi.

Tanto è cambiato eppure nulla è cambiato. La gente chissà perchè si domanda perchè Travaglio ha l'ossessione di Berlusconi. Stessero ad ascoltare un'oretta soltanto avrebbero tutte le risposte ...

Io allora ero esterratto, non riuscivo letteralmente a credere alle mie orecchie, lo ricordo bene. Oggi sono invidioso del me stesso dell'epoca, che di queste storie se ne stupiva.
Parte 1:

Parte 2:

Parte 3:

Passaparola del 30/3/2009:


Un affettuoso scambio di mail

diario 26/3/2009

Lunedì scorso Gioacchino Genchi, consulente tecnico in materia di intercettazioni di numerose procure, relativamente a indagini di mafia, corruzione e numerosi altri reati, è stato sospeso dalla Polizia di Stato di cui era membro in aspettativa, con motivazioni assai dubbie.

Il sottoscritto ha pensato di inviare una mail per avere chiarimenti a Francesco Rutelli, direttore del Copasir, il comitato di controllo parlamentare sui servizi telematici, che tra l'altro risulterebbe da alcune perizie in contatto con Antonio Saladino, coinvolto nelle inchieste di Catanzaro "stoppate" l'anno scorso da Mastella e dal csm. (Rutelli ovviamente nega i contatti).

Ecco il risultato. Sopra la risposta ottenuta (dalla mail pubblica del senato di Rutelli, notate) e sotto il mio messaggio originale. Buona lettura.




Gentile Signor Pizzolato,
le sue fonti di informazione sono purtroppo sbagliate e la inducono a dire cose false.
 
1. Il comportamento istituzionale di Rutelli è stato ineccepibile. Provi a documentare un solo atto non corretto.
2. Rutelli non ha alcun conflitto di interessi. Non è mai stato indagato in nessuna inchiesta riferibile alle vicende che lei richiama.
3. Al contrario: è parte offesa e dunque ha già intrapreso azioni giudiziarie a tutela della sua onorabilità.
4. Rutelli non è amico di alcun indagato. La stampa ha riportato che con il Saladino - se a lui si riferisce - sono stati in contatto ripetuto esponenti politici come Di Pietro. Niente di male, per chi è garantista.
5. Di fronte a diverse Procure della Repubblica, oggi, sono sotto inchiesta sia il dr. De Magistris sia il dr. Genchi. Per il bene del Paese, mi auguro sinceramente che siano prosciolti.
 
In conclusione, ritiri gli insulti e le diffamazioni contro Rutelli. Altrimenti, ne risponderà nelle sedi appropriate.
 
Cordiali saluti
 
Avv. Gianluca Ansalone


mail originale:

 

Per: <rutelli_f@posta.senato.it>
Da: fabrizio pizzolato <...>
Data: 23/03/2009 23.07
Oggetto: Un commento alla sospensione di Genchi

Onorevole Rutelli, apprendo in questi istanti che Gioacchino Genchi, consulente tecnico per le indagini di svariate procure d'Italia, è stato sospeso dalla polizia di Stato.

Non ho dubbi sul fatto che lei non centri nulla. Almeno con la sospensione. Vorrei tuttavia farle presente che il modo DELINQUENZIALE con cui lei conduce il Copasir, in particolare contro onesti servitori dello Stato come Genchi, la cui colpa peggiore ad ora emersa è di aver indagato su SUOI AMICI, non è sconosciuto a noi cittadini. E questo sebbene gli organi di comunicazione di regime coprano le sue malefatte, sebbene lei di tale regime sia un supposto (molto supposto) oppositore.

Bene, sappia che farò di tutto per diffondere tutti i FATTI relativi a tale vicenda, ivi compreso il fatto che lei INFANGA il nome del PD con la sua condotta, anche solo per il fatto di ignorare di essere in palese conflitto di interessi. Peggio: oltre a questo, misteriosamente, pare che lei usi il Copasir proprio per i suoi interessi, FREGANDOSENE dei cittadini stessi che le pagano lo stipendio.

Siccome ora sarà offeso, se ha un minimo di dignità dovrebbe AGIRE perchè siano chiariti i fatti, e i dubbi sulla sua condotta spariti, anzichè rispondermi in modo permaloso come pensa di fare. Si dia una svegliata!

saluti
Fabrizio Pizzolato



permalink | inviato da Fab1979 il 26/3/2009 alle 10:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

Un nuovo leader per il centro sinistra: Jose Mourinho

diario 25/2/2009

Voglio sottoporvi una piccola riflessione che sorge spontanea a chi come me, segue calcio e politica contemporaneamente.

Alle ultime elezioni votai PD. Alle prossime quasi sicuramente no. Numerose e diverse sono le critiche che vengono mosse a questo partito, ma la cosa che principalmente da fastidio, anche più dell'inciucismo ultra-schietto (pochi giorni fa, ricordiamolo, Ignazio Marino veniva "sostituito" alla commissione Sanità dove si apprestava a difendere un dsegno di legge sensato sul testamento biologico; Cosentino siede tranquillo al suo posto di sottosegretario e sappiamo come ... ecc. ecc.ecc.) è l'impressione che ognuno vada molto più che esplicitamente per i cazzi suoi. C'è la Binetti, c'è Rutelli che chiacchera con Saladino, c'è D'alema e il suo sgherro Latorre. Poi ci sono i Colombo e Marino, ma anche molti altri, che fanno bene il loro lavoro.

Cambio di scena. Per chi legge oggi, le ultime sull'Internazionale F.C. riguardano il sofferto 0-0 nell'andata degli ottavi di Champions League con il Manchester. Ma torniamo a qualche giorno fa. Se il monopolio televisivo Raiset è un fatto, e in fatto di programmi d'attualità Santoro è visto più o meno come il mostro di Firenze da chi è al comando in Rai(set) attualmente (e peggio in futuro) nel calcio il duopolio informativo Juve-Milan è senza confronti. Una settimana fa si è dibattuto all'infinto sul gol di Adriano nel derby. Fallo? No? Tecnicamente, il problema è che nel calcio si ammette l'arbitrio nelle decisioni sui falli di mano. Non è fallo colpire col braccio: è fallo farlo volontariamente. Il giudice sportivo ha graziato Adriano per questo, osservando il goffo tentativo di colpo di testa (a occhi chiusi) del brasiliano. Chiunque può pensare che il gesto del braccio fosse innaturale, il braccio stesso troppo largo ecc. ecc. Ma è un fatto che nelle regole del calcio, come in altri sport, si lascia all'arbitro la valutazione di certi particolari. Il che non crea problemi in altri sport più civili (come il rugby ... ).
In Italia invece, all'approssimarsi del processo a Moggi, tutto fa brodo per invocarne l'assoluzione (e, incidentalmente, infangare i giudici che lo processano: come se il volume di intercettazioni uscite non parlasse più di qualunque condanna penale). Notate iome fenomeni analoghi accadono nel mondo dello sport e della politica. E' quasi naturale che sia così: potere e denaro in Italia sono sempre apparentati (troppo) strettamente e portano a logiche analoghe.

Torniamo a noi. Mentre nell'agone politico, dopo le dimissioni di Veltroni (demenzialmente respinte dal consiglio direttivo PD ... come a dire noi ti scanniamo giorno dopo giorno, ma resta: è il nostro unico passatempo ...) entra in campo l'ormai già celebre "vice disastro" Franceschini. 
Chissà se Franceschini segue il calcio. Si sarebbe accorto che le tv e i giornali processano Adriano per il gol di braccio, ma non Inzaghi che abbatte un difensore prima del gol di Seedorf domenica. Da buon leader PD, direbbe: a criticare questi giornali si rischia l'accusa di "antimilanismo": lasciam perdere. Poi, forse per sbaglio, potrebbe aver sentito parlare Mourinho lunedì. E avrebbe pensato: povero, anche lui ha tutta la stampa contro. Meglio non parli di arbitri, lo accuserebbero di "antimilanismo".

E poi? E poi sarebbe rimasto incuriosito da una serie di misteriose dichiarazioni del tecnico nerazzurro. Che per inciso di chi scrive, che come molti sapranno è un fedelissimo nerazzurro dai tempi di Rumenigge (per questioni anagrafiche ovviamente), è tutto meno che perfetto, le cose migliori ultimamente le fa con la squadra dell'anno passato alla faccia della campagna acquisti dettata nome per nome. Le cose curiose sono le seguenti: dell'Inter parla sempre e solo Mourinho. Alcuni giocatori come il giovane talento Santon hanno il DIVIETO di parlare con la stampa. Il presidente si fa sentire ovviamente, ma ogni tanto.
Mourinho non ha dubbi su quale sia la sua fazione: anzi, incredibile ma vero, spesso "stira" i ragionamenti per i suoi fini. Come i suoi avversari, chi più chi meno. Notate che nessuno dei suoi avversari è accusato di "anti-interismo" (guarda caso, come nel PDL non esiste l'"antiveltronismo" o balle simili). Cioè Mourinho è fazioso: ma guarda un pò, i fatti gli danno ragione, ha vinto tutti gli scontri diretti meno uno ed è in vetta alla classifica. Cioè parla un sacco, ma poi lavora anche.

A questo punto il nostro nuovo segretario PD potrebbe essere in seria difficoltà. Che atteggiamenti simili siano attesi magari anche da un capo partito? E allora potrebbe tirar fuori l'arma "definitiva" per smontare Mourinho e dimostrare che un vero leader del centro sinistra non può comportarsi così. Cioè chiedere a Mourinho cosa risponde a chi accusa Adriano di aver segnato di braccio nel derby. Se ciancia sulla volontarietà  o meno, gli si risponderà che è salottiero e la gente vuole fatti concreti.
Il vero problema è che (come chi segue il calcio sa già) la domanda l'hanno fatta a Mourinho, e anche un sacco di volte. E Mourinho nel rispondere ricorda che i giornalisti sportivi, esattamente come quelli politici (altra analogia) non sono fenomeni: anzi pendono dalle labbra dell'intervistato. E non guardano ai contenuti se non glieli dice l'intevistato medesimo. Quindi cosa risponde?

Risponde: "Ma il gol del Milan all'andata? Il fuorigioco di Kaka?". Panico. Il leader PD segue il servizio e scopre che, imboccati dall'intervistato, i giornalisti (cosiddetti tali) sportivi si ricordano di cosa sta parlando, e vanno a prendere le immagini. Che non risalgono al '52. Ma a sei mesi fa. E dalle immagini non c'è ciancia che tenga: Kaka era infuorigioco sul lancio che poi portò all'azione del gol, con il primo derby della stagione fu perso dall'Inter. E le immagini vanno in onda, e chi segue si domanda: ma perchè di quel fuorigioco si è parlato molto meno del fallo di mano? Mah. Ma se lo domanda.

Al che dubbi terribili potrebbero venire al cosiddetto leader dell'opposizione. Del tipo: opporsi significa anche essere faziosi a volte? Lavorare a volte? Peggio che peggio, opporre fatti alle ciance dell'avversario?

E poi come faccio a dire che non lo faccio per non essere antiberlusconista?


Grazie a chi è arrivato in fondo alla lettura. Era un articolo semiserio. Quanto "semi" e quanto "serio" spero lo diciate voi ...



permalink | inviato da Fab1979 il 25/2/2009 alle 9:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa